Chi siamoGli organi del fondo

Gli organi del fondo

Aderendo a FONDENERGIA si ha l’opportunità di partecipare direttamente alla vita del fondo. In particolare, gli iscritti (lavoratori e aziende), sono chiamati a nominare i componenti della Assemblea dei Delegati, la quale, a sua volta, procede alla nomina dei componenti del Consiglio di Amministrazione.

È importante sapere che gli organi di amministrazione e di controllo del fondo (Assemblea dei Delegati, Consiglio  di  Amministrazione  e Collegio dei Sindaci) sono  caratterizzati da una  composizione “paritetica”,  vale a dire da uno stesso numero di rappresentanti dei lavoratori e di rappresentanti dei datori di lavoro.
Sono organi del fondo:

  • l'Assemblea dei Delegati;
  • Il Consiglio di Amministrazione;
  • Il Presidente e il Vice Presidente;
  • Il Collegio dei Sindaci.

 

ASSEMBLEA DEI DELEGATI

Gli aderenti "partecipano" al governo di Fondenergia mediante la designazione dei delegati in assemblea dopo la convocazione di apposite elezioni che hanno frequenza triennale. L'Assemblea dei Delegati è regolata dallo Statuto per modalità di convocazione, funzionamento e attribuzioni ed è costituita da 40 delegati (20 parte lavoratori e 20 parte aziende).

L'Assemblea delibera su:

approvazione bilancio, modalità di liquidazione del patrimonio, elezione degli organi di amministrazione e controllo, delibera di esclusione degli associati, azione di responsabilità verso amministratori e revisori.

Componenti Assemblea dei Delegati

 

PRESIDENTE E VICE PRESIDENTE

Il Presidente ha la legale rappresentanza e la firma sociale del Fondo e sta per esso in giudizio. Il Presidente, in particolare, ha facoltà di:

  • Indire le elezioni dei delegati per la composizione dell'Assemblea secondo le procedure e le modalità temporali previste nel regolamento elettorale
  • Convocare e presiedere le sedute dell' Assemblea, del Consiglio di Amministrazione
  • Provvedere all'esecuzione delle deliberazioni assunte da tali organi.

In caso di temporaneo impedimento del Presidente, i relativi poteri e funzioni sono esercitate dal Vice Presidente.

 

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Il Consiglio di Amministrazione (CdA) ha il compito di amministrare il Fondo.
Costituiscono prerogative del CdA tra l'altro le decisioni concernenti:

  • La gestione del Fondo pensione e la sua organizzazione funzionale ed amministrativa;
  • Gli adempimenti di carattere contabile e di rendicontazione;
  • La scelta dei soggetti gestori e l'individuazione della Banca Depositaria;
  • La definizione dei contenuti delle convenzioni con i predetti soggetti;
  • L'organizzazione dell'attività amministrativa;
  • Le iniziative per il corretto svolgimento del rapporto con gli associati.

Componenti del Consiglio di Amministrazione

 

COLLEGIO DEI SINDACI

Il Collegio dei Sindaci è l'organismo di sorveglianza del Fondo pensione.
Al Collegio spettano i compiti e i doveri previsti dal'art. 2403 e seguenti del c.c. e deve ottemperare agli obblighi previsti dal Decreto e dalla Normativa vigente.
Spetta, in particolare, al Collegio:

  • Vigilare sull'amministrazione e sull'osservanza delle norme;
  • Vigilare sulla coerenza e compatibilità dell'attività del Fondo con il suo scopo previdenziale;
  • Segnalare alla COVIP eventuali vicende in grado di incidere sull'equilibrio del Fondo.

Componenti del Collegio dei Sindaci

Sono previsti inoltre:

 

DIRETTORE GENERALE RESPONSABILE

Al Direttore Generale responsabile sono conferiti, in particolare,  i seguenti compiti:

  • Realizzare l'attuazione delle decisioni dell'organo di amministrazione;
  • Supportare l'organo di amministrazione nell'assunzione delle decisioni;
  • Assicurare al Consiglio di Amministrazione il supporto all'attività di indirizzo e controllo della gestione patrimoniale;
  • Inviare alla Commissione di Vigilanza le segnalazioni relative all'operatività del Fondo ed ogni altra comunicazione prevista dalla normativa in vigore;
  • Curare, anche attraverso la predisposizione di un apposito Registro, la trattazione degli esposti.

Il Direttore Generale di Fondenergia è Alessandro Stori

 

FUNZIONE DI CONTROLLO INTERNO

La funzione di controllo interno viene svolta in maniera autonoma rispetto alla struttura operativa. Detta funzione verifica che l’attività del fondo si svolga nel rispetto delle regole generali del settore, in coerenza con gli obiettivi aziendali e ne riferisce  al Consiglio di Amministrazione del Fondo.

La funzione di controllo interno di Fondenergia è svolta da ElleGi Consulenza.